Servizio Civile Progetto Regionale Botteghe della Salute – ANCI Toscana

Bando di Servizio Civile Regionale – Progetto di Rete “BOTTEGHE DELLA SALUTE” (DD 1269 del 23/01/2020)

Pubblichiamo di seguito i progetti territoriali di attuazione del progetto di rete regionale “Botteghe della Salute”.

Si prega di prendere visione dei posti messi a bando in ciascuna provincia richiamata nel titolo dei singoli progetti, e dei relativi Comuni sedi di progetto previsti per ogni provincia.

La domanda di candidatura deve essere presentata ad Anci Toscana esclusivamente in modalità on line, tramite il sito di Regione Toscana – Servizio Civile entro il 20 marzo 2020 ore 14:00 e seguendo le istruzioni indicate nel bando. Per necessità e/o difficoltà contattare Anci Toscana al numero 055 0750660, chiedendo di Alice Da Milano o Chiara Innocenti

Il bando si inserisce nell’ambito di Giovanisì (www.giovanisi.it), il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani.. 

I colloqui di selezione dei candidati si svolgeranno a Firenze presso la sede di Anci Toscana. I calendari dei colloqui saranno pubblicati su questa pagina web una settimana prima del loro inizio. La pubblicazione del calendario su questo sito ufficiale ha valore di notifica della convocazione. Il candidato che, pur avendo presentato la domanda, non si presenta al colloquio nei giorni stabiliti senza giustificato motivo, è escluso dalla selezione.

Si raccomanda di venire muniti di Curriculum Vitae e del documento di identità in originale e in fotocopia

BANDO

LINK SITO REGIONE TOSCANA

GIOVANI SI PROGETTO PER L’AUTONOMIA DEI GIOVANI – SERVIZIO CIVILE

ELENCO DOCUMENTI OPERATIVI FINANZIATI – Per ulteriori informazioni visionare i Progetti riportati di seguito.

PROGETTO BOTTEGHE DELLA SALUTE AREZZO VALDARNO CASENTINO 
PROGETTO BOTTEGHE DELLA SALUTE AREZZO VALDICHIANA  
PROGETTO BOTTEGHE DELLA SALUTE AREZZO VALTIBERINA  
PROGETTO BOTTEGHE DELLA SALUTE FIRENZE      
PROGETTO BOTTEGHE DELLA SALUTE GROSSETO 
PROGETTO BOTTEGHE DELLA SALUTE LIVORNO 
PROGETTO BOTTEGHE DELLA SALUTE LUCCA   
PROGETTO BOTTEGHE DELLA SALUTE MASSA CARRARA  

PROGETTO BOTTEGHE DELLA SALUTE PISA – GROSSETO 
PROGETTO BOTTEGHE DELLA SALUTE PISTOIA  
PROGETTO BOTTEGHE DELLA SALUTE PISTOIA VALDINIEVOLE 
PROGETTO BOTTEGHE DELLA SALUTE PRATO  
PROGETTO BOTTEGHE DELLA SALUTE SDS SIENA 
PROGETTO BOTTEGHE DELLA SALUTE SIENA NORD 
PROGETTO BOTTEGHE DELLA SALUTE SIENA SUD 

Conferimento cittadinanza ordinaria alla Senatrice Segre

Il giorno 20 febbraio il Consiglio comunale di Castelnuovo Val di Cecina conferirà la cittadinanza ordinaria alla Senatrice Segre. La proposta già presentata nelle sedute precedenti dal gruppo dell’opposizione ha ricevuto, infatti, l’avallo della maggioranza. Le motivazioni del conferimento della cittadinanza sono da ricondurre all’alto significato che la figura della senatrice Segre rappresenta, nonché per l’impegno da lei profuso nell’ incarnare i valori della tolleranza da contrapporre ad ogni forma di degenerazione della lotta politica e ad ogni espressione di odio, faziosità e denigrazione dell’avversario

COMUNE DI CASTELNUOVO DI VAL DI CECINA. PISA

MI ASSOCIO A NOME DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE AL CORDOGLIO DEI FAMILIARI, DEGLI AMICI E DI TUTTA LA COMUNITA’ PER LA PREMATURA SCOMPARSA DI EMANUELE TORELLINI PER DIECI ANNI CONSIGLIERE COMUNALE E CAPO GRUPPO CONSILIARE.

FORMULO ANCHE PERSONALMENTE LE PIU’ SENTITE CONDOGLIANZE ALLA MADRE, ALLA SORELLA, ALLA MOGLIE E A TUTTI I FAMILARI, CERTO DI RAPPRESENTARE IL DIFFUSO SENTIMENTO DI VICINANZA DELLA CITTADINANZA.

IL SINDACO

Alberto Ferrini

Dalla sede municipale, 23 ottobre 2019.

INFORMATIVA SUL TEMA DELLA GEOTERMIA.

Il giorno primo agosto si terrà a Larderello la seduta del Consiglio Regionale dopo una serie di iniziative ed incontri sul complesso tema della geotermia.

In realtà le criticità che investono questo settore produttivo si articolano su diversi punti.

  1. Gli incentivi alla produzione, non previsti nel Decreto Fer1 e che potrebbero essere introdotti nel decreto Fer2.
  2. I ritardi che hanno paralizzato per anni i progetti di sviluppo predisposti da Enel.
  3. Le modalità usate da Enel in materie di appalti e affidamenti per le aziende dell’indotto.
  4. La mancanza di certezze sul rinnovo delle concessioni minerarie del 2024.

Sul primo punto tengo a precisare che l’incontro con il Sottosegretario Crippa, presso il Ministero dello sviluppo economico, si è svolto in un clima positivo.

La bozza proposta dal Ministero, come ho evidenziato allo stesso On. Crippa, deve rappresentare a mio giudizio la base di una trattativa tecnica, nella quale apportare modifiche su alcuni aspetti sostanziali, al fine di rendere praticabile e non velleitario il proposito di apportare migliorie tecnologiche all’intero sistema industriale.

L’impegno delle Amministrazioni locali, da questo momento in poi, è quello di supportare con la massima attenzione la Regione Toscana per l’avvio e la conduzione della trattativa tecnica che proseguirà nelle prossime settimane.

A tal proposito nella giornata di martedì trenta luglio, abbiamo prodotto una prima serie di osservazioni trasmesse all’assessore regionale Fratoni che ha dimostrato fin da subito la propria disponibilità a rapportarsi con i territori per condurre la trattativa col MISE nel modo più proficuo ed utile.

Nella giornata del 22 luglio si è invece svolto un confronto, a mio giudizio utile, sulle questioni dell’indotto geotermico. Confronto svoltosi a Larderello tra Enel e Sindaci, facente seguito ad una serie di incontri tenutesi da diversi mesi a questa parte. In quella sede sono state evidenziate le criticità delle imprese locali a seguito della riduzione degli investimenti e delle modalità di affidamento di lavori, servizi e manutenzioni.

Il mio giudizio, concorde con quello di altri colleghi, è quello di una sostanziale soddisfazione per gli impegni assunti da Enel su una serie di elementi e meccanismi da porre a tutela delle imprese locali.

Anche questo risultato, tendenzialmente positivo, dovrà essere valutato nei fatti e seguito attentamente nelle sue concrete evoluzioni.

Come già richiesto esplicitamente dal sottoscritto, torno a ribadire che già nel prossimo settembre si debba procedere a dare ufficialità all’accordo, mediante un protocollo che richiami espressamente le proposte di Enel.

Sul prossimo appuntamento della seduta straordinaria del Consiglio regionale, vorrei sottolineare l’importanza dell’evento come segnale di attenzione alle problematiche del territorio.

Credo sia mio dovere puntualizzare, tuttavia, che la situazione di criticità che stiamo vivendo deriva non soltanto dalla questione dei mancati incentivi.

Anzi le scelte sbagliate del MISE sembrano la logica conseguenza di una politica regionale che per molti anni ha prodotto incertezze, rinvii, ostacoli di ogni tipo, moratorie e percorsi legislativi volti ad introdurre vincoli spesso sproporzionati se non addirittura velleitari.

Siamo in pesante ritardo nell’avviare il necessario iter per il rinnovo delle concessioni del 2024 e l’incertezza che ne deriva paralizza ogni ipotesi concreta di investimento. Poiché nessuna azienda investe senza un orizzonte temporale certo e congruo.

Analogo ragionamento può essere svolto su tutti i progetti di sviluppo a suo tempo presentati da Enel che rischiamo di perdere definitivamente dopo anni di rinvii.

In questo senso credo che l’adunanza del Consiglio regionale non potrà apportare sostanziali contributi di novità ad un quadro che resta problematico proprio a causa delle divisioni e delle frizioni che, storicamente, si dispiegano sul tema della geotermia.

Alberto Ferrini

Sindaco di Castelnuovo di Val di Cecina.