In questa sezione sono raccolte tutte le notizie relative al Comune di Castelnuovo di Val di Cecina.

COMUNICAZIONE SULLA FASE TRE 18 MAGGIO 2020.

Iniziamo una nuova fase nella quale tutti i cittadini toscani potranno circolare liberamente nel territorio regionale.

Riapriranno le attività commerciali e produttive.

Ci stiamo avvicinando gradualmente alla normalità, ma sarà ancor più decisivo il nostro senso civico, la nostra cautela e la correttezza nei nostri comportamenti individuali.

Usare quando necessario le mascherine, mantenere la distanza di sicurezza, disinfettare spesso le mani, restano le regole principali. Dovremmo attenerci a queste regole con maggiore rigore rispetto al passato ed usare un’accortezza ancora maggiore quando ci recheremo in centri di media e grande dimensione.

Dobbiamo affrontare questa nuova fase con speranza ed entusiasmo, con la soddisfazione di usare la nostra libertà e di usarla bene, nell’interesse di tutti e per la serenità di tutti.

Nella sezione dedicata all’emergenza Coronavirus troverete la recente ordinanza regionale, quella comunale, nonché alcune linee guida per bar e ristoranti, agriturismi e strutture ricettive.

 

IL SINDACO

Alberto Ferrini

NUOVA IMU 2020

Nuova IMU 2020: come funziona la tassa unica sulla casa e cosa cambia per i contribuenti?

La Legge di Bilancio ha abolito dal 1° gennaio 2020 la IUC (ad eccezione della TARI) sostituita dalla nuova imposta che unifica IMU e TASI. L’obiettivo è quello di semplificare l’insieme delle tasse sulla casa, che fino allo scorso anno erano divise in due diversi tributi dalle regole pressoché identiche.

La nuova IMU 2020 mantiene l’esenzione già prevista per IMU e TASI per la prima casa, quella definita come abitazione principale. Non è più prevista, invece, l’esenzione per l’unità immobiliare disabitata di titolari di pensioni estera iscritti all’AIRE.

Nessuna modifica sulle scadenze: anche la nuova IMU si paga in due rate, il 16 giugno ed il 16 dicembre di ciascun anno.

La nuova IMU verrà pagata tramite  F24.

 

Nuova IMU 2020, tassa unica sulla casa e fusione con la TASI: come funziona e cosa cambia

La nuova IMU prenderà il posto dal 1° gennaio 2020 del doppio prelievo che formava la IUC, imposta unica sulla casa che viene abolita (fatta eccezione che per la normativa sulla TARI).

La nuova IMU fonde le due tasse sulla casa, senza modifiche al gettito atteso e, in sostanza, senza alcuna diminuzione per i contribuenti.

 

Nuova IMU 2020: chi paga e chi no la tassa unica sulla casa

I soggetti passivi della nuova IMU sono i titolari di diritti di proprietà, altro diritto reale di godimento, il concessionario di aree demaniali ed il locatario di immobili in leasing.

La nuova IMU si applicherà a fabbricati, aree fabbricabili e terreni agricoli. Così come la IUC, non paga nulla il possessore di un solo immobile adibito ad abitazione principale, definita come la sede della residenza anagrafica del contribuente e del proprio familiare. L’esenzione si applica anche alle pertinenze di categoria catastale C2, C6 e C7.

Anche dal 2020 resta la disciplina di sfavore prevista per le case di lusso: per gli immobili di categoria catastale A1, A8 e A9 il pagamento sarà dovuto.

Sono considerati immobili assimilati ad abitazione principale e quindi esenti:

  • le unità immobiliari delle cooperative a proprietà indivisa adibite ad abitazione principale dei soci assegnatari;
  • unità immobiliari delle cooperative a proprietà indivisa destinate a studenti universitari assegnatari, anche in assenza della residenza anagrafica;
  • i fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali;
  • la casa familiare assegnata al genitore affidatario dei figli;
  • un solo immobile non locato, posseduto dai soggetti appartenenti alle Forze armate, alle Forze di polizia, al personale dei Vigili del fuoco nonché a quello appartenente alla carriera prefettizia.

La nuova IMU cancella l’esenzione prevista per i titolari di pensione estera iscritti all’AIRE che, salvo modifiche, dal 2020 saranno obbligati a pagare le tasse sulla casa.

Nuova IMU 2020: le agevolazioni previste

Accanto alle esenzioni totali dal pagamento delle imposte, la Legge di Bilancio conferma per la nuova IMU le agevolazioni e riduzioni da applicare in sede di calcolo.

Anche a partire dal 2020 è confermata la riduzione del 50% per la casa concessa in comodato d’uso gratuito tra genitori e figli. La stessa agevolazione si applica anche agli immobili inagibili ed inabitabili.

Le aliquote di base della nuova IMU sono state riformate dalla Legge di Bilancio 2020.

Nuova IMU 2020: scadenze e come si paga

La nuova IMU, in nome sia della semplificazione fiscale che della lotta all’evasione, potrà essere pagata tramite:
– modello F24;
.

Restano due le scadenze da ricordare:

  • la prima rata (acconto IMU ) è quella del 16 giugno;
  • la seconda rata (saldo nuova IMU) è quella del 16 dicembre.

In sede di pagamento della prima rata di giugno 2020, bisognerà pagare la metà di quanto versato nel 2019 a titolo di IMU .

 

Il Comune di Castelnuovo Val di Cecina con delibera consiliare n. 14    del 4/5/2020

Ha approvato le seguenti aliquote Nuova Imu

ALIQUOTA TIPOLOGIA DI IMMOBILI
0,50 Abitazione principale di lusso
0,00 Fabbricati rurali strumentali
0,00 “beni merce”
0,00 Terreni agricoli
0,86 Fabbricati del gruppo  “D”
0,86  Altri immobili
0,86 Aree fabbricabili
0,46 Fabbricati concessi in comodato

 

COMODATO GRATUITO

Le unità immobiliari, fatta eccezione per quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, concesse in comodato dal soggetto passivo ai parenti in linea retta entro il primo grado che le utilizzano come abitazione principale, a condizione che il contratto sia registrato e che il comodante possieda una sola abitazione in Italia e risieda anagraficamente nonché dimori abitualmente nello stesso comune in cui è situato l’immobile concesso in comodato; il beneficio si applica anche nel caso in cui il comodante, oltre all’immobile concesso in comodato, possieda nello stesso comune un altro immobile adibito a propria abitazione principale, ad eccezione delle unità abitative classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9; il beneficio si estende, in caso di morte del comodatario, al coniuge di quest’ultimo in presenza di figli minori.

Lavori di installazione massiva dei contatori elettronici di seconda generazione. Attività daeseguirsi tramite Contratto di Appalto n. 8400149287 affidato all’impresa appaltatrice Sirti Energia SpaEnergia s.p.a

Il seguente avviso è inviato da E-distribuzione

Vi informiamo che la nostra Società, nell’ottica del miglioramento del servizio offerto alla Clientela, ha avviato l’installazione massiva dei contatori elettronici di seconda generazione (c.d. CE 2G “Open Meter”). Questo piano interesserà l’intero territorio nazionale nel corso degli anni 2017 – 2024. Per l’esecuzione delle attività E-Distribuzione si avvale anche di contratti di appalto con Società terze. A causa della grave emergenza sanitaria relativa alla diffusione del COVID-19 che ha investito il nostro Paese, E-Distribuzione ha sospeso a partire da metà marzo e per tutto il mese di aprile 2020, tutte le attività non necessarie a garantire la continuità del servizio elettrico tra cui l’attività di sostituzione massiva dei contatori .

La restrizione ad operare è stata estesa, oltre che al proprio personale, anche al personale delle società appaltatrici di cui E-Distribuzione si avvale. Con la presente La informiamo che, in seguito all’adozione del DPCM del 26 aprile 2020, con il quale è stato dato avvio alla cd “fase 2” dell’emergenza sanitaria, che prevede la graduale ripresa in sicurezza delle attività lavorative in quasi tutti i settori, E-Distribuzione riprenderà gradualmente anche l’attività di sostituzione dei contatori elettronici.

Il riavvio delle attività avverrà seguendo i principi di responsabilità e prudenza, con la massima attenzione agli aspetti di sicurezza e salute del personale dipendente di E-Distribuzione, del personale delle imprese appaltatrici e di tutti i cittadini. A tale scopo, il riavvio delle attività è stato programmato prevedendo allo stato le sostituzioni dei contatori posizionati all’esterno degli appartamenti e dei locali abitati (ad es. collocati presso portinerie, garage, androni, marciapiedi) onde minimizzare qualsiasi tipo di contatto tra il personale operativo e i cittadini.

Precisiamo che sia il personale E-Distribuzione che il personale delle imprese appaltatrici sarà dotato di tutti i DPI (Dispositivi di Protezione Individuale) necessari, previsti dalla normativa vigente. Per opportuna informazione, riportiamo qui sotto l’elenco dei Comuni di Vostra competenza interessati dal piano di sostituzione ed il relativo periodo di inizio e fine attività.

  • Castelnuovo Val Di Cecina, maggio 2020 – giugno 2020

Le attività saranno eseguite con Contratto di Appalto nr.8400149287 stipulato con l’impresa Sirti Energia s.p.a. (P.I. 10331420017 Sede Loc.tà Martinetto 61/62 17017 Roccavignale (SV) avente come rappresentante legale Roberto Lazzarino.

L’elenco dei dipendenti di cui si avvarrà l’impresa per l’esecuzione delle attività del contratto rimane depositato e disponibile presso i nostri uffici e Vi può essere fornito a seguito di Vostra specifica richiesta. Inoltre, è previsto che tutti gli operatori dell’impresa siano provvisti di:

  • tesserino di riconoscimento;
  • lettera di attestazione di e-distribuzione del rapporto contrattuale con l’impresa;
  • lettera di attestazione del rapporto lavorativo in essere tra l’impresa e ogni singolo lavoratore con riferimento alle attività oggetto di appalto;

Ad ulteriore tutela della Clientela, l’identità dell’operatore potrà anche essere accertata chiedendo all’operatore medesimo di generare un codice PIN che, chiamando il numero verde 803 500 (selezionare tasto 4) oppure utilizzando il servizio dedicato su APP o sul sito web di E-Distribuzione, consentirà di acquisire i dati anagrafici dell’incaricato alla sostituzione.

Per informare i clienti delle imminenti attività è stata avviata una capillare campagna di comunicazione volta a chiarire i motivi della sostituzione e rassicurare gli stessi sulle modalità operative. Vi informiamo inoltre che per l’intervento di sostituzione non è dovuto alcun compenso agli operatori che effettueranno l’attività di sostituzione.

Per eventuali ulteriori chiarimenti, Vi invitiamo a contattare il nostro numero a Voi riservato 328 234 62 33 attivo da lunedì al venerdì dalle 09:30 alle 12:30 e dalle 14:00 alle 17:00. Cogliamo l’occasione per comunicarVi che è attivo il numero verde 803 500 con i seguenti orari:

-da lunedì a venerdì 9-18 e sabato 9-13 (festività nazionali escluse) per tutti i servizi con un operatore

-h24 365 gg/anno per i servizi automatici presenti nel sistema telefonico

Inoltre, sul sito web di E-Distribuzione, e-distribuzione.it si potranno trovare numerose informazioni relative all’attività di sostituzione dedicate a clienti e produttori.

 

Con i nostri più cordiali saluti.

Marco Capogna

Il Responsabile

Pacchetto Scuola

Il “Pacchetto scuola” può essere richiesto in presenza dei seguenti requisiti:

a) requisiti economici: l’ISEE del nucleo familiare di appartenenza dello studente, o ISEE Minorenne nei casi previsti, calcolato secondo le modalità di cui alla normativa vigente, non deve superare il valore di 15.748,78 euro;

b) requisiti anagrafici: residenza nei Comuni di VOLTERRA, e CASTELNUOVO V. C.  età non superiore a 20 anni (da intendersi sino al compimento del 21esimo anno di età, ovvero 20 anni e 364 giorni), (la domanda può essere presentata esclusivamente nel comune di residenza vedi art. 7).

c) essere iscritto alla scuola secondaria di primo o secondo grado.

La richiesta deve essere presentata dal 04 maggio al 12 giugno 2020 alle ore 12,00, farà fede il timbro del protocollo, nei seguenti modi:

 

 

  1. all’Ufficio Protocollo entro le ore 12,00 del 12 giugno 2020, inserendo la domanda in busta chiusa nella cassetta della posta fuori dal portone della sede oppure prenotando la consegna al n. 058823537;

 

  1. Inviata per mail entro le ore 12,00 del 12 giugno 2020 all’indirizzo andrea.f@comune.castelnuovo.pi.it   Specificando in oggetto “pacchetto scuola”

ORDINANZA SINDACALE SU MOTORIETA’ ALL’APERTO

Oggetto: Ulteriori misure per il contrasto ed il contenimento sul territorio comunale della diffusione del virus COVID-19 in materia di attività motoria, chiusura parchi pubblici e impianti sportivi e chiusura ai visitatori alla RSA nel Capoluogo.

IL SINDACO

PRESO ATTO dei Decreti della Presidenza del Consiglio dei Ministri di concerto con il Ministro della Salute in tema di contrasto al diffondersi del virus COVID-19;

Vista l’Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile n. 630 del 3 febbraio 2020,recante “Primi interventi urgenti di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili” e seguenti recanti ulteriori interventi urgenti in relazione all’emergenza in corso;

Visto, in particolare, che il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 10 aprile 2020; sopra citato abroga il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 8 marzo 2020, il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 9 marzo 2020, il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 11 marzo 2020, il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 22 marzo 2020 e il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 1° Aprile 2020, imponendo misure urgenti per il contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale fino alla data del 3 maggio 2020;

Visto il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 26 aprile 2020 “Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale” Considerato che l’articolo 1, comma 1, lettera f) del citato DPCM 10 aprile 2020 vieta lo svolgimento dell’attività ludica o creativa all’aperto e consente lo svolgimento di attività motoria individualmente in prossimità della propria abitazione nel rispetto delle misure di distanziamento sociale;

Visto l’ordinanza del presidente della Giunta Regionale n°46 del 29 Aprile 2020;

Visto l’art 7 della L241/90 ai sensi del quale per i provvedimenti caratterizzati da ragioni di celerità di procedimento non è comunicato l’avvio del procedimento;

Visto altresì l’art.50 del TUEL e successive modificazioni;

Ritenuto determinante agli effetti del contenimento del contagio, la misura del distanziamento sociale almeno di1,8 metri e l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale quali mascherine, con conseguente possibilità di estensione della movimentazione delle persone nel rispetto di tali condizioni;

Ritenuto che l’ampliamento della possibilità di spostamento nel rispetto delle sopra citate modalità, risponde ad esigenze di tutela della salute individuale e collettiva e del benessere psico-fisico dei minori

Considerato, pertanto, che per non determinare conseguenze negative a danno della salute di tutti i cittadini e del benessere psico-fisico dei minori sia opportuno consentire per l’attività motoria svolgere passeggiate all’aria aperta e utilizzare la bicicletta al di fuori dei centri abitati anche  con mezzi di trasporto personali , nell’ambito del territorio comunale in modo individuale, da parte di genitori e figli minori, da parte di accompagnatori di persone non completamente autosufficienti, o da parte di residenti nella stessa abitazione;

Considerato opportuno disporre il divieto d’accesso ai parchi pubblici nei centri abitati nonché degli impianti sportivi nel Capoluogo e nelle frazioni, come di seguito dettagliato. Permane il divieto fino a nuove disposizioni per i visitatori alla RSA in Castelnuovo Val di Cecina, compresi i congiunti;

 

ORDINA

1.Per quanto contenuto in premessa è vietato l’accesso ai parchi pubblici nonché all’area degli impianti sportivi, campo da Tennis e pista di Pattinaggio nel Capoluogo ,e nelle aree degli impianti sportivi nelle frazioni;

2.E’ consentito per l’attività motoria svolgere corse e passeggiate all’aria aperta e utilizzare la bicicletta fuori dal centro abitato. Lo spostamento è consentito anche con mezzi propri, nell’ambito del territorio comunale e in modo individuale. I genitori con figli minori, gli accompagnatori di persone non completamente autosufficienti, o soggetti residenti nella stessa abitazione, possono spostarsi con mezzi propri congiuntamente.

3.nello svolgimento delle attività motorie di cui al punto 2 da parte di genitori e figli minori, da parte di accompagnatori di persone non completamente autosufficienti, o da parte di residenti nella medesima abitazione non è necessario mantenere le misure di distanziamento sociale di almeno 1,8metri

  1. Per le attività motorie in bicicletta è ammesso altresì lo spostamento in auto con bicicletta al seguito, fino al luogo prescelto nell’ambito del territorio comunale.
  2. E’ fatto divieto per i visitatori , compresi i congiunti l’ingresso alla RSA in Castelnuovo di Val di Cecina.

 

La presente ordinanza ha validità dal 1 maggio e fino alla vigenza delle misure adottate dal Presidente del Consiglio dei Ministri ai sensi dell’articolo 1, comma 2, dello stesso d.l.19/2020;

Il mancato rispetto delle misure di cui alla presente Ordinanza è sanzionato secondo quanto previstodall’articolo 4 del d.l.19/2020;

 

INFORMA

Avverso il presente provvedimento è ammesso ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale secondo le modalità di Legge previste dalla 1034/71,in alternativa è ammesso ricorso straordinario al Capo di Stato, ai sensi del D.P.R. 24 Novembre 1971 n. 1199, rispettivamente entro 120 giorni dalla data di avvenuta pubblicazione.

 

 

DISPONE

L’invio a :

Ill.mo Prefetto di Pisa;

Alla Segreteria del Comune di Castelnuovo di Val di Cecina per la pubblicazione e pubblicità;

Alla Polizia Municipale

Al Comando dei Carabinieri del Comune di Castelnuovo di al di Cecina

Castelnuovo di Val di Cecina, il 30 Aprile 2020

 

 

Il Sindaco

 

Domanda Buoni spesa fuori termine

E’ possibile presentare ancora domanda per i buoni spesa per coloro che nel mese corrente non hanno percepito reddito da lavoro a causa dell’emergenza derivante dall’epidemia COVID-19  e non percepiscono altre entrate per importi superiori a 600,00 euro mensili.

Per “mese corrente” si intende il mese precedente la presentazione della domanda (ad esempio, se si presenta domanda il 4 maggio, tener conto del periodo dal 4 aprile al 4 maggio).

COLORO CHE HANNO GIA’ OTTENUTO I BUONI SPESA SONO ESCLUSI.

Per ora, chi ha già ottenuto i buoni non può presentare nuova domanda. SE CI SARANNO LE RISORSE, l’Amministrazione valuterà nei prossimi mesi un’eventuale nuova erogazione.

da venerdì 24 aprile consentita la vendita di cibo da asporto

Si potranno fare solo prenotazioni telefoniche e on-line per evitare assembramenti fuori e dentro il locale

Da venerdì 24 aprile in Toscana ristoranti e locali che somministrano alimenti potranno vendere cibo da asporto. Lo dispone l’ordinanza firmata dal presidente Enrico Rossi, la numero 41.

La vendita da asporto, che potranno effettuare tutti i ristoranti e i locali, anche artigianali, dovrà essere effettuata previa ordinazione on-line o telefonica.

I locali che vendono il cibo dovranno garantire che gli ingressi per il ritiro dei prodotti ordinati avvengano solo per appuntamenti e dilazionati nel tempo. Questo per evitare sia assembramenti all’esterno sia all’interno del locale dove sarà consentita la presenza di un cliente alla volta. Ogni cliente inoltre dovrà permanere all’interno del locale il tempo strettamente necessario alla consegna e al pagamento dei prodotti.

Resta invece sospesa per i ristoranti ogni forma di consumo sul posto.

Dunque l’ordinanza 41 torna a confermare la possibilità di vendite di semi, piante, fiori ornamentali e piante in vaso anche negli esercizi commerciali specializzati (quanto stabilito nell’ordinanza 30). Così come conferma la possibilità di vendere calzature per bambini sia all’interno dei negozi specializzati in abbigliamento per bambini che nei negozi che commercializzano esclusivamente calzature per bambini.

Ribadisce che è consentito agli impianti di distribuzione di carburante funzionanti con la presenza del gestore di determinare liberamente l’orario del servizio e derogare a quanto previsto dall’articolo 96, comma 2, della legge regionale Toscana 62/2018 in ordine all’obbligo della presenza del gestore nelle fasce orarie di garanzia.

CONTRIBUTI PER LA CONNESSIONE INTERNET A FINI SCOLASTICI

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALUNNI PER DIDATTICA A DISTANZA 

 

COSA SONO?

Il Comune di Castelnuovo V.C. concede un contributo una tantum per l’attivazione della connessione internet e il pagamento dei primi due mesi di canone

 

 

A CHI SPETTA?

Spetta ai nuclei familiari in stato di bisogno, al cui interno è presente almeno un alunno frequentante la scuola che ha attivato la didattica a distanza.

 

 

COME SI PRESENTA LA DOMANDA?

 

 

Per presentare domanda è necessario contattare il

Servizio Sociale Territoriale al nr. Tel. 0588 62450

DAL LUNEDÌ AL VENERDÌ DALLE 9.00 ALLE 13.30

 

 

COME SI ATTIVA?

 

In caso di valutazione positiva del Servizio Sociale, l’interessato sarà contattato e, previo appuntamento, potrà recarsi presso l’Ufficio Postale per l’attivazione della scheda dati che consentirà la connessione internet

 

Svolgimento di attività agricole amatoriali – controllo e contenimento della fauna selvatica – attività selvicolturali

Redione Toscana, Ai sensi dell’articolo 32, comma 3, della legge 23 dicembre 1978 n.833 in materia di igiene e sanità pubblica, le seguenti misure:

  • condizioni di spostamento all’interno del proprio comune o verso altri comuni per lo svolgimento di attività agricole amatoriali:

lo spostamento per lo svolgimento di attività agricole amatoriali può essere effettuato esclusivamente nel pieno rispetto di quanto previsto dai citati Decreti della Presidenza del Consiglio dei Ministri e di tutte le norme di sicurezza relative al contenimento del contagio da COVID – 19 e comunque alle seguenti condizioni:

a)che avvengano non più di una volta al giorno;
b)che sia effettuato da massimo due componenti per nucleo familiare;
c)che le attività da svolgere siano limitate a quelle necessarie alla tutela delle produzioni vegetali e degli animali allevati, consistenti nelle minime, ma indispensabili operazioni colturali che la stagione impone ovvero per accudire gli animali allevati

  • condizioni per il controllo e contenimento della fauna selvatica:

a) al fine di assicurare continuità agli interventi di controllo di cui all’articolo 37 della l.r. 3/94 e di contenimento in ambito urbano di cui all’articolo 3 della l.r. 70/2019, gli interventi dovranno avvenire nel pieno rispetto di quanto previsto dai citati Decreti della Presidenza del Consiglio dei Ministri e di tutte le norme di sicurezza relative al contenimento del contagio da COVID – 19 e
pertanto tramite la cattura o in forma singola;
b) lo spostamento delle guardie venatorie volontarie incaricate dalla polizia provinciale di effettuare gli interventi di controllo è limitato a quanto previsto nella scheda di intervento di controllo di cui alla procedura approvata con DGR 310/2016 e modificata con DGR 89/2020;
c) i capi abbattuti saranno destinati ai soggetti di cui all’art. 37 comma 6 ter, della l.r. 3/94;
d) i capi catturati saranno destinati ai soggetti che hanno aderito alla manifestazione di interesse di cui al Decreto n. 3527 del 5 marzo 2020.

  • Condizioni per attività selvicolturali:

a) al fine di consentire il completamento delle attività di taglio e di esbosco, a tutela della stabilità dell’assetto idrogeologico e della prevenzione degli incendi boschivi e degli attacchi fitopatogeni correlati al cumulo di biomassa sul terreno è disposta la proroga del periodo di taglio per il periodo di 15 giorni con riferimento alla scadenza di cui all’articolo 11, comma 2, lettera b) del d.p.g.r.
48/2003;
b) lo spostamento all’interno del proprio comune o verso altri comuni per lo svolgimento di attività selvicolturali libere può essere effettuato nel pieno rispetto di quanto previsto dai citati Decreti della Presidenza del Consiglio dei Ministri e di tutte le norme di sicurezza relative al contenimento del contagio da COVID – 19 ed esclusivamente alle seguenti condizioni:
1)che avvengano non più di una volta al giorno;
2)che sia effettuato da massimo due componenti per nucleo familiare.